ASSENTEISMO: DATO ESTREMAMENTE POSITIVO PER I DIPENDENTI DELL'UNIVERSITÀ DI SALERNO

università-salerno1Dal 1° settembre inizierà la “stretta” per combattere il fenomeno dell’assenteismo (secondo qualcuno!!!) nella pubblica amministrazione, trasferendo la competenza dei controlli dei dipendenti dalle Asl all’Inps, quindi, uniformando le procedure e le varie articolazioni tra dipendenti pubblici e privati.
 
Nelle ultime settimane siamo stati bersagliati dai dati elaborati dalla CGIA di Mestre sulle assenze dei lavoratori e soprattutto sul rapporto di assenteismo tra settore pubblico e settore privato. 
Verificato che nel 2015 (anno di riferimento per la CGIA) l’andamento di assenteismo in entrambi i settori è quasi lo stesso e più precisamente 18.4 giorni nel settore privato e 17.6 giorni nel settore pubblico, si è pensato bene di analizzare altri fattori per continuare la campagna di denigrazione nei confronti dei dipendenti pubblici.
 
Dai dati emersi analizzando il quinquennio 2012/2016 - dichiara Pasquale Passamano responsabile della Cisl Università di Salerno - la durata media di assenza per malattia dei dipendenti (personale tecnico-amministrativo) dell’Università degli Studi di Salerno è pari a 8,81 giorni l’anno e se vogliamo considerare l’anno 2015, così come ha fatto la CGIA, è di soli 8,42 giorni l’anno. E’ inutile dire che ci saremmo aspettati qualche considerazione da parte del Rettore Tommasetti – continua Passamano - rispetto a questo dato positivo soprattutto se si tiene conto che l’Ateneo di Salerno vanta il “triste primato” di avere il più basso numero di unità di personale tecnico-amministrativo d’Italia (in rapporto al numero di studenti). Pur tuttavia, non sono mancati risultati positivi conseguiti dal nostro Ateneo, risultati che vengono sbandierati quotidianamente sugli organi di stampa e raggiunti grazie all’impegno di “tutte” le componenti della comunità universitaria salernitana.
 
Sicuramente non è una nuova organizzazione dei controlli sulle assenze per malattia dei dipendenti pubblici a preoccuparci per il futuro - conclude Gerardo Pintozzi, responsabile della struttura aziendale Cisl Università - ma la carenza di risorse economiche messe a disposizione dal governo nazionale necessarie per consentire il reclutamento di nuovo personale (docente, ricercatore e personale tecnico amministrativo) e per risolvere l’annoso problema del precariato che riguarda soprattutto la nuova figura del ricercatore, al fine di garantire un servizio di qualità a tutti gli studenti dei Campus universitari.
 
 
 



Le Federazioni di categoria


b iscriviti


Prev Next
damore
ero straniero
pensioni l'accordo
b_xxi



b aps


coordinamento donne


STRUTTURE SUL TERRITORIO

pro salerno

Newsletter

Iscriviti alla newsletter CISL Salerno
per essere sempre aggiornato

 

Contattaci

UST CISL SALERNO
via Zara, 6 - 84124 Salerno
Tel. 089 253648 
FAX 089 239244
e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


C.F. 800 303 50 658

          Dove siamo

PER OFFRIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE DI PROFILAZIONE. CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE ACCONSENTI ALL’UTILIZZO DEI COOKIE. PER SAPERNE DI PIÙ E PER MODIFICARE LE TUE PREFERENZE CONSULTA privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information