passamano università

Nuova puntata della lunga e complessa vicenda per il passaggio di cantiere e dei dipendenti tra le società  presso la prefettura di salerno si e tenuto un incontro tra la Vecchia San Miichele Istituto di Vigilanza di Sarno e la Nuova San Miichele, amministrata dall’avvocato Alfonso Della Rocca.

 

All’incontro in Prefettura, al quale hanno partecipato numerosi lavoratori, la Fisascat Cisl di Salerno ha evidenziato come per i dipendenti della vecchia società, a causa del provvedimento di revoca dell’autorizzazione da parte della Prefettura, risulta impossibile applicare gli ammortizzatori sociali in quanto, alla decisione della fine marzo 2013, si è aggiunta anche una grave crisi finanziaria della società Vecchia San Michele.  Nel corso dell’animata discussione, nel corso della quale il rappresentante dei lavoratori REMO CRISCUOLO della Fisascat Cisl ha cercato di illustrate la continuità aziendale tra la vecchia e la nuova società, un socio della Nuova San Michele ha aggredito verbalmente e minaccato lo stesso sindacalista tanto che è stato necessario sospendere la riunione e consentire l’intervento di alcuni agenti della Digos. Al termine della infuocata riunione è stato deciso che il prossimo 27 Dicembre i dipendenti della Vecchia San Michele saranno ricevuti negli uffici della Polizia Amministrativa della Questura di Salerno  per far fare chiarezza sulla vicenda dei passaggi di proprietà delle quote societarie.  

“Esprimiamo ferma condanna e piena solidarietà all’operato del nostro dirigente REMO CRISCUOLO, vittima oggi di una vile aggressione da parte di una persona che, evidentemente, non conosce il dramma delle famiglie dei dipendenti della Vecchia San Michele, da mesi senza stipendio”. E’ quanto dichiara il Segretario Provinciale della CISL PASQUALE PASSAMANO che ribadisce “come la CISL di Salerno sosterrà, con ogni forma e mezzo, le legittime richieste dei lavoratori”. 

 

VERTENZA VECCHIA SAN MICHELE. AGGREDITO IL DIRIGENTE FISASCAT CRISCUOLO. IL SEGRETARIO PASSAMANO: “PIENA SOLIDARIETA’ E SOSTEGNO”